lunedì 18 agosto 2014

Estate 2014 - Costa Smeralda. Su le mani.

Quando una snob va in vacanza non puó non scegliere un posto all'altezza dell'etichetta di snobbona
Costa Smeralda fu, tra famiglie italiane in vacanza e ricchi papponi dalle mani invadenti. 
I luoghi comuni sulla Costa Smeralda sono tutti drammaticamente veri.
A partire dai vicini d'ombrellone...

giovedì 7 agosto 2014

Uffici felici, buona la prima - Puntata Zero


Nome: Uffici Felici, buona la prima.
Puntata Zero

Data: Estate 2014

Luogo: Berlino


Scenografia: Uffici di una start-up. Una stanza, 6 postazioni fornite di computer, due schermi + telefono ciascuna. 6 mini ventilatori. Bottiglie di plastica vuote sparse. Su una scrivania posizionare 4 bottiglie di vetro di club mate vuote + 4 confezioni di ragú liofilizzato + una confezione di panna da cucina. Elemento importante: il citofono con video. Pareti bianche. Due finestre che si aprono su una piazza della cittá molto frequentata e abbondante di turisti. La stanza é comunicante con un altro ufficio, quindi luogo di passaggio.

Attori: per la prima settimana Collega 1, femmina, riccia, tono di voce stridulo. Abiti impegnativi con accessori floreali ma variabili in base alla stagione. Collega 2, maschio, evidente accento romano con la passione per il calcio, il bio e lo yoga. Jeans, maglietta, sandalo o scarpa da tennis.
 

Rolling...

lunedì 4 agosto 2014

Urano contro

Ore 5:50. 
Alcune volte é bello credere ai pianeti e riconoscersi nelle stelle, indipendentemente da quali esse siano.


"Non hai una direzione, vaghi, ti lasci trasportare dalla corrente.
Aspiri alla pace tra le persone e cerchi di essere gentile e disponibile con tutti, ma qualcuno potrebbe scambiare questo tuo lato per qualcosa di negativo, come se tu stia cercando di essere un camaleonte indossando sempre una maschera e non mostrando ciò che sei. 

La tua mente è aperta, così come lo è il tuo cuore, e chi vi sta accanto sa bene che non cambierete mai il vostro aspetto e che si troveranno di fronte sempre la stessa persona.
Tendenzialmente sei calmo e timido ma di tanto in tanto salta fuori un aspetto inconsueto di te, quello loquace e passionale.
Sei un sognatore e sei facilmente impressionabile grazie al tuo cuore tenero, per questo il tuo rapporto con l’oggettività è un pochino falsato e il prendere delle decisioni non è esattamente il tuo forte. 

mercoledì 30 luglio 2014

I maschi berlinesi da frequentare almeno una volta nella vita #7

Premessa: non ho niente contro gli uomini. Li amo, tutti, indistintamente. Come amo le donne. 
Mi piace parlare degli essere umani, mi piace osservarli nella loro routine, nei loro momenti di gioia e nei loro pensieri. Mi piace guardarli, carpirne le ombre perché é un po' come se mi osservassi dall'esterno. E ogni volta é un differente ed intenso viaggio.

Detto ció ci sono alcuni elementi per cui vale la pena spendere due parole su questo blog.

venerdì 25 luglio 2014

Juliet in Berlin - Letters#11

Ma l'hai capito che la tua voce mi spoglia più delle tue mani?
Mi rende ogni volta più vulnerabile. In qualche modo fragile.


giovedì 17 luglio 2014

La snob loves Diadora

Ci sono alcune cose che mi riportano indietro nel tempo. Che riportano in vita i ricordi lontani di un'adolescenza trascorsa chiusa in stanza tra riviste di moda e walkman ereditati da cugine piú grandi.

A volte basta un nome e il salto temporale é immediato e io sono seduta in classe, alle medie, con il compagno di banco che faceva il cretino, il cerchietto in testa, le compagne tettone e culone che incontravano evidente consenso tra le palle testosteroniche dei maschi della scuola e la tuta da ginnastica il Sabato quando c'erano le famose due ore di Educazione Fisica.

Quando, camminando e perdendomi tra gli stand del Bread and Butter mi sono ritrovata faccia a faccia con Diadora, un marchio italiano che ha segnato la mia timida fanciullezza, ecco, io mi sono sentita come alle medie. Tra brufolazzi e ascelle purificate come direbbe Elio.

lunedì 14 luglio 2014

The day after

I mondiali di calcio sono finiti. La Germania ha vinto. Punto.

Nonostante le scarpe marroni di Löw e le sue supercaccole.



Nonostante i giornalisti, poco scrupolosi nei titoli e superficiali nei commenti e nei giudizi, nella maggior parte delle volte non richiesti e a vanvera. 
Nonostante le manifestazioni brasiliane messe a tacere per dare aria al fenomeno orgasmico collettivo che ha piú visualizzazioni di quel Gangnam Style che andava di moda un paio di anni fa.